Milano – Obiettivo del presente evento formativo, organizzato da Studio Associato RiPsi e riconosciuto/accreditato ECM da ASST della Regione Lombardia, è di offrire una formazione sul metodo della Coordinazione Genitoriale (modello integrato di Debra Carter) specificatamente mirata alle professioni sanitarie. 
Il corso è riconosciuto all’Associazione Italiana Coordinatori Genitoriali A.I.Co.Ge. e consente pertanto l’iscrizione alla medesima Associazione, se in possesso dei requisiti previsti dal regolamento.  In Europa ci sono 150 milioni di bambini. 60 milioni hanno affrontato, affrontano o affronteranno la separazione dei genitori prima della maggiore età̀. 
I bambini di famiglie separate hanno il doppio di probabilità degli altri di manifestare problemi scolastici, affettivi, relazionali, comportamentali, ansia e depressione. Ciò a causa dell’esposizione al conflitto familiare.  In particolare, è l’alta conflittualità tra i genitori e la persistenza di tale clima ostile a favorire, più di ogni altro fattore, l’insorgenza di problematiche nei minori coinvolti in un evento separativo. 
La Coordinazione Genitoriale è un sistema di risoluzione alternativa delle controversie centrato sul minore, nato negli Stati Uniti, rivolto a genitori la cui perdurante elevata conflittualità costituisce un rischio di danno psicologico per i figli.  Il modello importato nel nostro Paese – c.d. modello “integrato” – prevede che un terzo imparziale, professionista adeguatamente formato, aiuti i genitori altamente conflittuali a mettere in pratica il proprio piano genitoriale o programma di genitorialità condivisa, facilitando la rapida risoluzione delle controversie e il riconoscimento dei bisogni dei figli. 
Il Coordinatore Genitoriale, previo consenso dei genitori, può suggerire soluzioni, fornire raccomandazioni e, nei limiti del mandato ricevuto, assumere decisioni nell’interesse dei figli. Il ruolo di Coordinatore Genitoriale può essere svolto da un professionista di area giuridica o psicologica, purché adeguatamente formato al metodo. Le caratteristiche peculiari delle coppie genitoriali altamente conflittuali richiedono competenze e tecniche mirate di approccio e intervento. Il metodo della Coordinazione Genitoriale mira a ridurre il rischio evolutivo cui sono sottoposti i minori coinvolti in separazioni ad alta conflittualità.  L’utilizzo di tale figura non può che essere consensuale, anche nel caso in cui siano i Giudici ad invitare le parti confliggenti a rivolgersi al Coordinatore Genitoriale. 

E’  possibile scaricare la brochure Coordinazione_Genitoriale_2020_RiPsi

CONDIVIDI SUI SOCIAL:
LA COORDINAZIONE GENITORIALE. Un sistema alternativo di gestione dell’alta conflittualità genitoriale centrato sul minore.